Le rotte del petrolio dell’Isis verso la Turchia

0
3

La Russia annuncia di avere individuato i percorsi dei tir che portano illegalmente il petrolio in Turchia dalle zone controllate dai jihadisti in Siria e Iraq. E rilancia le accuse: Ankara compra petrolio dall’Isis

russia-annuncia-le-rotte--attraverso cui isis porta petrolio-in turchia
La Russia accusa la Turchia di comprare petrolio dall’isis e mostra tre rotte

La Russia torna all’attacco della Turchia e insiste con l’accusa che Ankara stia comprando petrolio dall’Isis. Qualche giorno prima, Putin aveva fatto la stessa accusa. Ora però è il vice Ministro della difesa russo, Anatoli Antonov, a puntare il dito contro i turchi. E lo fa in maniera pesante. Antonov ha detto che le autorità della Turchia sono coinvolte in un “business criminale” di traffico illecito di petrolio.

Serghiei Rudskoi, capo di Stato Maggiore della Russia, si spinge ancora più in là. La Russia, ha spiegato Rudskoi, ha individuato tre percorsi attraverso cui il petrolio dell’Isis arriva in Turchia. Mosca ritiene che esistono tre rotte per portare il petrolio in Turchia dalle zone controllate dai jihadisti in Siria e Iraq.

rotte-petrolio-isis-verso-turchia
Le rotte del petrolio verso la Russia (fonte Ministero difesa russo e Bbc).

In una conferenza stampa, il Ministero della difesa russo ha mostrato immagini da satellite e video che riprendono il passaggio di camion che portano petrolio dal territorio dell’Isis alla Turchia.

le-rotte-del-petrolio-isis
Immagini diffuse dal satellite russo. Per Mosca è la prova delle rotte del petrolio da Isis a Turchia

Secondo Antonov, i proventi del petrolio dell’Isis ammontano a circa due miliardi di dollari l’anno. Sono i fondi che permettono ai jihadisti di finanziare il terrorismo e arruolare militanti da tutto il mondo, fornendo loro equipaggiamento, armi e munizioni.

La Turchia ha ribattuto accusando la Russia di calunnie. Il Pentagono ha preso le difese di Ankara. Intanto, il Ministro della difesa russo, Serghei Lavrov, ha detto che è pronto a incontrare la sua controparte turca durante il vertice dell’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione e sicurezza economica.

Advertisements
Annunci

1 COMMENT

  1. non è ‘ankara’… è la famiglia erdogan/gollum che fa affari con i terroristi.
    No alla turchia nell’unione !!!!!!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here