Cina e Taiwan uniti per “una sola Cina”

Lo storico incontro tra i due Paesi a Singapore è stata una prova generale di dialogo dopo 66 anni. I due presidenti concordano che la Cina sia una sola, composta dalla parte continentale e dall’isola. Ma alle elezioni di gennaio, il Pdp, principale forza d’opposizione sostenitore dell’indipendenza dalla Cina, potrebbe vincere le elezioni.

cina-e-taiwan-unite-per-una-sola-cina
Il presidente di Taiwan e quello della Cina a Singapore per lo storico incontro dopo 66 anni

Cina e Taiwan provano a voltare la pagina di divisioni e attriti durata 66 anni. La prova generale di dialogo tra il presidente cinese Xi Jinping e quello taiwanese Ma Ying-jeo è durata circa un’ora nell’Hotel Shangri-La di Singapore. Era dal 1949 che i due Paesi non avevano colloqui.

A Singapore, la Cina ha aperto alla richiesta di Taiwan di avere una presenza internazionale. In cambio Pechino chiede che Taipei rinunci a ogni rivendicazione di indipendenza e rispetti il “Consensus del 1992”. Si tratta della dichiarazione con la quale Cina e Taiwan hanno riconosciuto l’esistenza di “una sola Cina”, che include la parte continentale e l’isola di Taiwan.

Nel colloquio di Singapore, il presidente cinese Xi ha detto alla controparte che: “Siamo qui per evitare che si ripetano le tragedie del passato e nessuna forza ci può separare, siamo una sola famiglia”. Il presidente taiwanese Ma gli ha risposto che: “Entrambe le parti devono rispettare i valori e il modo di vivere dell’altro”. E ha aggiunto che si augura che Pechino usi la pace e non la forza per risolvere le questioni. Il riferimento di Ma riguarda le elezioni di Taiwan a gennaio e alle proteste anticinesi che stanno crescendo nell’isola. Il presidente Xi ha assicurato a quello di Taipei che non ci sono missili cinesi puntati sull’isola come temono a Taiwan.

La Cina guarda con attenzione ai sentimenti indipendentisti e anticinesi diffusi nell’isola. Qui il Partito Democratico Indipendentista (Pdp), il principale dell’opposizione, è il favorito per vincere le elezioni a Taiwan. Il Pdp non riconosce il Consensus del 1992. Una vittoria del Pdp potrebbe rimettere in discussione il principio di “una sola Cina”. E riportare la situazione alla teoria “delle due Cine”, un salto indietro temporale di oltre 50 anni.

Sotto l’aspetto economico, il presidente cinese Xi ha chiesto al collega di Taiwan di entrare nell’Asian Infrastructure Investment Bank, la banca regionale di sviluppo economico dell’Asia targata Cina.

Rispondi